Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Oltre 1000 università di tutto il mondo utilizzano la licenza Campus-Wide per uso universitario di MathWorks, da oggi a disposizione anche di studenti, docenti e ricercatori in tutto l’Ateneo. L’Università Vanvitelli ha firmato, infatti, un contratto con MathWorks che fornisce agli studenti, docenti e ricercatori di tutto l’Ateneo l’accesso a MATLAB, Simulink e più di 80 prodotti aggiuntivi. La scelta dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli di adottare MATLAB e Simulink per il calcolo tecnico e la progettazione model-based dimostra l'impegno  dell'Ateneo nel migliorare continuamente l’ambiente di apprendimento per i suoi studenti, docenti e ricercatori fornendo ovunque l’accesso agli strumenti standard utilizzati nelle aziende del settore. 

La licenza Campus-Wide per uso universitario MATLAB e Simulink dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli include prodotti per l’analisi, la progettazione, la modellazione, la simulazione, la generazione di codice ed i test sul prodotto per le facoltà di ingegneria e scienze, nonché prodotti di finanza computazionale per le facoltà di orientamento economico. L’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli fornisce accesso aquesti strumenti a studenti, docenti e ricercatori attraverso una licenza centralizzata che aumenta l’efficienza amministrativa della gestione e della distribuzione dei software, garantendo che tutti i toolbox acaccademici siano facilmentea disposizione di tutti gli utenti. 

Grazie all’accordo fra l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli e MathWorks, gli utenti avranno accesso al software e alla documentazione associata, nonché accesso immediato alle nuove release. La licenza Campus-Wide consente di installare i prodotti MATLAB e Simulink sia sui computer gestiti dall’ateneo che su quelli di proprietà degli utenti. 

Per le istruzioni sul download del software accedere al Portale MATLAB degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli .

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Attraverso il susseguirsi di straordinarie storie di bambole meccaniche, occhiali magici, voci spettrali e sensuali cortigiane, Les Contes d’Hoffmann è l’inquietante ed onirico tributo di Offenbach alla vivida immaginazione dell’”eroe” protagonista, il poeta romantico tedesco E. T. A. Hoffmann.
L'allestimento dell'opera proposto al Teatro di San Carlo, che fa ritorno a Napoli proprio nel'anno in cui ricorrono i duecento anni dalla nascita di Offenbach, è quello firmato da Jean-Louis Grinda e prodotto dall'Opéra de Montecarlo.Tra i protagonisti, Maria Grazia Schiavo (Olympia), Nino Machaidze (Antonia), Alex Esposito (Lindorf/ Coppelius/ Dr. Miracle / Dapertutto) e John Osborn (Hoffmann). Sul podio, Pinchas Steinberg.

In occasione del ritorno di Les Contes d'Hoffmann sul palcoscenico del Teatro San Carlo, è stata riservata al pubblico dell'Ateneo una promozione speciale sulle repliche di Martedì 19, Venerdì 22 e Domenica 24 Marzo 2019: 100 posti al prezzo di 30 euro cadauno per la PLATEA oppure di 25 euro cadauno per i POSTI DI PALCO per assistere allo spettacolo.

Di seguito i dettagli dell'evento:

 

Jacques Offenbach/

LES CONTES D’HOFFMANN
Opera fantastica in cinque atti su libretto di Jules Barbier, tratto da una pièce scritta nel 1851 assieme a Michel Carré

Prima rappresentazione: Parigi, Opéra-Comique,10 febbraio 1881, postuma

Direttore | Pinchas Steinberg
Maestro del Coro | Gea Garatti Ansini
Regia | Jean-Louis Grinda
Scene e luci | Laurent Castaingt
Costumi | David Belugou
Assistente alla regia | Julien Lamour
Assistente ai costumi | Sara Berto

Interpreti

Olympia, una bambola automa, Maria Grazia Schiavo (17, 19, 22 e 24 marzo) / Daniela Cappiello (23 marzo)
Antonia, una cantante, Nino Machaidze (17, 19, 22 e 24 marzo) / Federica Vitali (23 marzo)
Giulietta, una cortigiana, Josè Maria Lo Monaco (17, 19, 22 e 24 marzo) / Michela Antenucci (23 marzo)
Stella, una cantante, Michela Antenucci
Hoffmann, poeta, John Osborn (17, 19, 22 e 24 marzo) / Eric Fennell (23 marzo)
Lindorf, consigliere municipale / Coppélius, inventore/ Dr. Miracle, medico / Dapertutto, stregone, Alex Esposito (17, 19, 22 e 24 marzo) / Fabrizio Beggi (23 marzo)
Nicklausse, amico di Hoffmann / La Muse Annalisa Stroppa (17, 19, 22 e 24 marzo) / Laura Verrecchia (23 marzo)
Andrès, servo di Stella / Cochenille, aiutante di Spalanzani / Frantz, servo di Crespel / Pittichinaccio, spasimante di Giulietta, Orlando Polidoro
Crespel, liutaio e padre di Antonia, Roberto Abbondanza
Spalanzani, inventore, Enrico Cossutta
Hermann / Schlémil, Fabio Zagarella
Nathanaël, studente, Pasquale Scircoli
Luther, Italo Proferisce (17, 19 e 23 marzo) / Enrico Di Geronimo (22 e 24 marzo)
La mère d'Antonia, Federica Giansanti

Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo

Produzione Opéra de Montecarlo

Spettacolo in Francese con sovratitoli in Italiano e in Inglese

Durata: 3 ore circa con intervallo

 

Per aderire all'offerta, basta inviare un’email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamare allo 081 7972468 indicando cognome, nome, numero di telefono, data e numero di biglietti (max 6 da richiedere in un'unica soluzione) desiderati. L'assegnazione dei posti avverrà secondo la logica del best seat, ovvero verrà assegnato il miglior posto disponibile al momento della prenotazione. La prenotazione sarà confermata da una e-mail di risposta (contenente la conferma per il settore scelto ed il termine di validità della prenotazione con le relative istruzioni per il pagamento) che dovrà essere stampata ed esibita in biglietteria al momento del ritiro. SI RICORDA CHE IL DETTAGLIO DEI POSTI SI CONOSCERA' SOLO IN BIGLIETTERIA AL MOMENTO DEL RITIRO E CHE, UNA VOLTA ASSEGNATI, I POSTI NON POTRANNO ESSERE RIMBORSATI O SOTITUITI. Si ricorda che per le date non in promozione è sempre valido lo sconto del 10% sull'acquisto dei biglietti.

Per ogni ulteriore informazione è sempre possibile consultare il nostro sito www.teatrosancarlo.it.

La promozione è valida fino al 21 marzo 2019.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L’Università Vanvitelli ed il Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale hanno aderito alla campagna Plastic Free promossa dal Ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Sergio Costa.
Il Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale è il primo dipartimento-pilota del suddetto Ateneo e, fra le istituzioni universitarie del territorio nazionale, il primo a porre in essere la campagna per l’eliminazione delle bottiglie di plastica con l’installazione di un erogatore di acqua pubblica e il progetto di un marchio plastic free.

L'iniziativa verrà presentata il giorno 19 febbraio alle ore 9.30 presso l'aula S3, via San Lorenzo ad Septimum, Aversa. Dal 21 gennaio 2019 presso il Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale è possibile bere, gratuitamente, raccogliendola in una propria borraccia in materiale non plastico e non dannoso per l’ambiente, acqua batteriologicamente e periodicamente controllata sia a temperatura ambiente o refrigerata che frizzante. 

L’erogatore di acqua pubblica è stato installato dall’azienda Acquatec, che ha fatto della distribuzione della risorsa acqua, quale bene comune, la propria mission. Ogni tre mesi, Acquatec fornirà al Dipartimento i dati relativi al risparmio della plastica, esito della riduzione della distribuzione dell’acqua attraverso l’abolizione delle bottiglie di plastica. Assieme con la suddetta azienda, per gli studenti, il personale docente e tecnico-amministrativo sarà prevista una campagna di informatizzazione e sensibilizzazione per attivare percorsi virtuosi e diventare sempre più plastic free. Studenti, personale docente e tecnico-amministrativo potranno recarsi con la propria borraccia presso il distributore e fornirsi di acqua. Inoltre, coloro che vorranno, potranno personalizzare la propria borraccia con il marchio adesivo V: Plastic Free, progettato dalle studentesse Maria Grazia Spanò e Giulia Spanò all’interno delle loro tesi di laurea in design grafico presso il corso di studio in ‘Design e Comunicazione’, attivo presso il Dipartimento di Architettura e DisegnoIndustriale.
Il marchio adesivo V: Plastic Free è distribuito gratuitamente presso la Direzione del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale e sarà apposto direttamente sulla borraccia a chi ne farà richiesta. 

Locandina della presentazione della campagna

Maggiori informazioni

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Oltre 35.000 contributi per partecipare ai viaggi studio in Italia e all’estero grazie ai contributi che versi al fondo Welfare INPS (ex INPDAP). La domanda deve essere trasmessa dalle ore 12,00 del 31 Gennaio 2019 non oltre le ore 12,00 del 28 Febbraio 2019. Scegli tra le destinazioni e pre-iscriviti per non perdere questa opportunità. Scarica la guida facile. Contatta l'INPS al n. 0541-1741120 o scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Guida

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Definita da Massimo Mila il Tristan italiano per la centralità disperante della componente amorosa, Un ballo in maschera fu originariamente composta da Verdi per debuttare al Teatro di San Carlo. La censura borbonica la rifiutò, vedendo nel soggetto un tema quanto mai oltraggioso: in uno scenario politico scosso dai moti risorgimentali non era, infatti, possibile ammettere che si portasse in scena l’assassinio di un sovrano, per quanto ad istigarlo potesse essere la rivalità in amore. Lo spettacolo andò così in scena a Roma invece che a Napoli l’anno successivo, e l’azione fu spostata a Boston alla fine del XVII secolo.
La versione che andrà in scena al San Carlo, firmata da Leo Muscato e diretta da Donato Renzetti, ripristina l’ambientazione originaria dell’azione in Svezia nell’anno 1792 e i nomi del primo libretto di Antonio Somma (1858). "Ognuno può facilmente immaginare quanto invasive possano essere state le ingerenze censorie, ma fino a che non le si tocca con mano, non si riesce davvero a capire quali enormi compromessi dovevano accettare i compositori, poeti e letterati. - dichiara il regista Leo Muscato - Quello che sembra giusto e necessario fare, spesso non è quello che un compositore può permettersi. E nemmeno potremo capire fino in fondo quanto realmente si modifichi il senso dell’opera cambiando ambientazione ed epoca."
Un ballo in maschera ha tutti gli archetipi delle favole, a partire dai personaggi. C’è il Re, la sua amata, il suo migliore amico, la strega cattiva, i traditori buffi, il paggio un po’ matto. Poi le ambientazioni: la corte, la casa della strega, il bosco pericoloso, il castello, il ballo mascherato. Ci sono amore, odio, amicizia, tradimento, onore, magia, colpo di stato. C’è il comico, il tragico, il romantico. Per questa ragione l' incipit è diventato “C’era una volta...”. "Bisognava abitare un luogo non realistico, ma favolistico. - continua Muscato - E tutto questo al servizio dell’idea ultima: mettere lo spettatore nella condizione di immaginare un mondo fantastico in cui le menzogne sono bandite, e la finzione teatrale è l’unico mezzo che abbiamo per riuscire a guardare in faccia la verità delle relazioni."

In occasione del ritorno di Un ballo in maschera sul palcoscenico del Teatro San Carlo, abbiamo riservato al pubblico dell'Ateneo una promozione speciale sulle repliche di Mercoledì 27e Giovedì 28 febbraio 2019: 100 posti al prezzo di 45 euro cadauno per la PLATEA oppure di 30 euro cadauno per i POSTI DI PALCO per assistere allo spettacolo.

Di seguito i dettagli dell'evento:

/Opera

dal 22 al 28 febbraio 2019

Giuseppe Verdi/
UN BALLO IN MASCHERA

Opera in tre atti su libretto di Antonio Somma, da Gustave III, ou Le Bal masqué (1833) di Eugène Scribe.

Direttore | Donato Renzetti
Maestro del Coro | Gea Garatti Ansini
Regia | Leo Muscato ripresa da Alessandra De Angelis
Scene | Federica Parolini
Costumi | Silvia Aymonino
Luci | Alessandro Verazzi riprese da Marco Alba
Movimenti coreografici | Alessandra De Angelis

Interpreti
Gustavo III Re di Svezia (Riccardo), Roberto Aronica (22, 24, 27 febbraio 2019) / Celso Albelo (23, 26, 28 febbraio 2019)
Carlo, duca di Ankastrom (Renato), Luca Salsi (22, 24, 26, 28 febbraio) / Seung-Gi Jung (23, 27 febbraio 2019)
Amelia, Carmen Giannattasio (22, 24, 27 febbraio 2019) / Susanna Branchini (23, 26, 28 febbraio 2019)
Ulrica, indovina, Agostina Smimmero (22, 24, 26, 28 febbraio 2019) / Anastasia Boldyreva (23, 27 febbraio 2019)
Oscar, Anna Maria Sarra (22, 26, 27, 28 febbraio 2019) / Marina Monzò (23, 24 febbraio 2019)
Il Conte Horn (Sam), Laurence Meikle
Il Conte Ribbing (Tom), Cristian Saitta
Cristiano, un marinaio (Silvano), Nicola Ebau
Un Giudice, Gianluca Sorrentino
Un servo di Amelia, Lorenzo Izzo

Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo

Produzione del Teatro dell’Opera di Roma in coproduzione con Malmö Opera

SERIE CREMISI

venerdì 22 febbraio 2019, ore 20.00 - Turno A
sabato 23 febbraio 2019, ore 19.00 - Fuori Abbonamento
domenica 24 febbraio 2019, ore 17.00 - Turno F
martedì 26 febbraio 2019, ore 20.00 - Turno C/D
mercoledì 27 febbraio 2019, ore 18.00 - Turno B
giovedì 28 febbraio 2019, ore 18.00 - Turno M Opera e Danza

Spettacolo in Italiano con sovratitoli in Italiano e in Inglese

Durata: 2 ore e 45 minuti circa con intervallo


Per aderire all'offerta, basta inviare un’email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamare allo 081 7972468 indicando cognome, nome, numero di telefono, data e numero di biglietti (max 6 da richiedere in un'unica soluzione) desiderati. L'assegnazione dei posti avverrà secondo la logica del best seat, ovvero verrà assegnato il miglior posto disponibile al momento della prenotazione. La prenotazione sarà confermata da una e-mail di risposta (contenente la conferma per il settore scelto ed il termine di validità della prenotazione con le relative istruzioni per il pagamento) che dovrà essere stampata ed esibita in biglietteria al momento del ritiro. SI RICORDA CHE IL DETTAGLIO DEI POSTI SI CONOSCERA' SOLO IN BIGLIETTERIA AL MOMENTO DEL RITIRO E CHE, UNA VOLTA ASSEGNATI, I POSTI NON POTRANNO ESSERE RIMBORSATI O SOTITUITI. Si ricorda che per le date non in promozione è sempre valido lo sconto del 10% sull'acquisto dei biglietti.

Per ogni ulteriore informazione è sempre possibile consultare il nostro sito www.teatrosancarlo.it.

La promozione è valida fino al 24 febbraio 2019.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Commissione De Marchi, il punto dopo mezzo secolo. Al via il convegno organizzato dal Dipartimento di Ingegneria, dal titolo "Mezzo secolo dai lavori della Commissione De Marchi", previsto per il 30 gennaio alle ore 9.30 presso l'Aula Magna della Real Casa dell'Annunziata a via Roma - Aversa.

"50 anni fa la 'Commissione De Marchi', nata come commissione interministeriale con il compito di esaminare i problemi tecnici, economici, legislativi, e amministrativi al fine di proseguire e intensificare gli interventi necessari per la generale sistemazione idraulica e di difesa del suolo sulla base di una completa programmazione, consegnava la prima versione di quello che successivamente divenne il testo della relazione conclusiva - spiega Corrado Gisonni, docente di Costruzioni Idrauliche, Marittime e Idrologia al Dipartimento di Ingegneria. - Il 30 gennaio 2019 ricorre il cinquantesimo anniversario di tale importante atto ed il Dipartimento di Ingegneria, in cooperazione con la Commissione Idraulica dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Caserta, ha ritenuto opportuno e doveroso celebrare tale ricorrenza con un evento che abbia il duplice scopo di evidenziare la profonda attualità dei lavori della ‘Commissione De Marchi’ e di trarre spunti di riflessione sullo stato della sicurezza idraulica del territorio, con particolare interesse a quello campano".

Sarà presente, tra gli altri, Sergio Costa, Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sabrina Impacciatore contro la violenza sulle donne. Si terrà a Caserta, mercoledì 20 febbraio, alle ore 18.30, presso il Teatro Comunale Parravano il nuovo appuntamento organizzato dall’Ateneo Vanvitelli della campagna di sensibilizzazione e informazione “It’s time to…”, promossa dall’Osservatorio sul fenomeno della violenza sulle donne, istituito presso il Consiglio Regionale della Campania.
Sabrina Impacciatore, tra le firmatarie dell’iniziativa “Dissenso Comune” è una delle attrici tra le più versatili del panorama italiano, che ha costruito la sua carriera alternando teatro, cinema e televisione e passando dal registro comico a quello drammatico con facilità e naturalezza. Per il cinema ricordiamo le sue interpretazioni in: “L’ultimo bacio”, “Baciami ancora”, “A casa tuti bene” di Gabriele Muccino; “Concorrenza sleale” e “Gente di Roma” di Ettore Scola; “The Passion” di Mel Gibson; “Manuale d’amore” di Giovanni Veronesi; “N (Io e Napoleone)” di Paolo Virzì.
L’incontro, promosso dall’Osservatorio, è organizzato e sostenuto dall’Università Vanvitelli e dal Comune di Caserta e si inserisce all’interno del ciclo di incontri volti alla diffusione della cultura della non violenza promossi nella Regione Campania.
Secondo i dati raccolti dall’Osservatorio la Regione Campania è la seconda Regione per numero di femminicidi e non esiste ancora strategia adeguata e uniforme per la prevenzione e il contrasto della violenza contro le donne e per la protezione delle vittime.
L’idea alla base di “It’s time to …” è quindi quella di trovare sostegno grazie a personalità di forte impatto mediatico in grado di amplificare e rilanciare un messaggio a tutta la collettività: donne del mondo dello spettacolo che hanno anche il merito di aver portato alla ribalta internazionale la disparità di genere nonché il fenomeno degli abusi, molestie e ricatti sessuali sul lavoro, dando speranza e voce a milioni di donne costrette a subire in silenzio un fenomeno dilagante, figlio di una cultura incentrata sulla diseguaglianza di potere fra i generi.
L’Università della Campania, con il Comitato Unico di Garanzia e le Delegate alle pari opportunità e alla Terza missione e promozione del territorio, con il Comune di Caserta, con gli Assessorati alle Iniziative Culturali, agli Eventi e alle Pari Opportunità, accolgono con piacere Sabrina Impacciatore e l’iniziativa dell’Osservatorio sul fenomeno della violenza sulle donne, nell'ambito delle proprie manifestazioni, con il coinvolgimento attivo della cittadinanza e della comunità studentesca, per il contrasto alla violenza di genere.
Il ciclo di eventi è organizzato da Cineventi. La partecipazione agli incontri è gratuita, ad inviti, prenotabili sulla pagina Facebook dell’evento e presso la Libreria Pacifico in Via Gianfranco Alois, 26 (CE).

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Si chiama Officina Vanvitelli, la neonata sede per la formazione post-laurea per il Design per la Moda dell’Università Vanvitelli, che ha inaugurato l’inizio della sua attività con la cerimonia di conferimento della Laurea honoris causa a Rosita Missoni con il Ministro per l’Università e la Ricerca Marco Bussetti.

Ha aperto ufficialmente le porte il 23 gennaio Officina Vanvitelli , al Belvedere di San Leucio, sede della formazione post laurea, uno spazio dedicato al Design per la Moda con i suoi master, laboratori, seminari, convegni, spin off e start up.
Risale a dicembre scorso la sigla con il Comune di Caserta per la concessione e valorizzazione del sito di San Leucio che ospiterà, per almeno 10 anni, la formazione post laurea del Dipartimento di Architettura e Design Industriale dell'Ateneo.
L’Hub è progettato per ospitare un percorso dedicato alla formazione avanzata di circa 50 talenti creativi nei settori del Design, della Moda e della Comunicazione. “Officina Vanvitelli”, favorirà lo scouting e la realizzazione dei progetti dei talenti creativi, sperimentando nuovi percorsi per offrire opportunità materiali e immateriali, nonché investimenti pubblico/privati.
Officina si propone di colmare il divario ancora esistente tra la formazione accademica e il mondo delle aziende della moda e del design nelle sue diverse connotazioni: aziende consolidate, emergenti, start-up, spin-off, e collaborerà strettamente con la realtà̀ produttiva per lo sviluppo delle nuove professioni e l’impresa del futuro. Il progetto si svilupperà in diverse fasi.
La nuova sede della formazione post-laurea del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale sarà dotata di spazi per seminari, co-working, per incontri tra docenti e studenti oltre che laboratori analogici e digitali di fashion e design, e concept lab.
Il Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale ha conferito in quella occasione la laurea honoris causa a Rosita Missoni, fondatrice del celebre brand.
La cerimonia ha avuto luogo alla presenza del Magnifico Rettore, Giuseppe Paolisso, e del Ministro per l’Università e la Ricerca Marco Bussetti.
La laudatio è stata pronunciata da Patrizia Ranzo, docente di Design per la Moda.

Rosita Missoni ha tenuto una Lectio Magistralis su “La mia vita, i valori del made in Italy”. Prima il ricordo degli inizi a fine Anni 50 della multinazionale della moda con il marito Ottavio Missoni, in un piccolo laboratorio - appena 100 metri quadrati - di Gallarate (Varese), in cui presero forma i famosi vestitini a righe, con quel mix di colori che ha poi caratterizzato fino ad oggi il lavoro del brand. Solo qualche anno dopo l’azienda si è trasferita a Sumirago, dove è ancora oggi.

«Mi ritengo una persona fortunata - ha detto la Missoni - sia per le mie radici che il lavoro che ho fatto in una vita. Con Ottavio non abbiamo mai rinunciato al nostro modo di intendere la moda, e di ciò vado fiera».

Pagina 1 di 13

CHI SIAMO  |   PRIVACY  |  UNICAMPANIA.IT