Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sono Pasquale Cavaliere, Veronica Andreozzi e Roberto Baldascino della Seconda Università degli Studi di Napoli i vincitori della più importante competizione tra studenti universitari in Italia, il Premio Marketing per l'Università, con il progetto WeAreFOX. Record di progetti presentati per la XXVIII edizione del premio patrocinata da Fox Networks Group Italy in collaborazione con Sky Italia.
Con 585 elaborati, questa XXVIII edizione ha registrato il record di sempre in termini di progetti presentati. Sono inoltre 1500 gli studenti di 29 università pubbliche e private italiane che hanno partecipato all’edizione 2016, mettendosi alla prova per la prima volta su un caso di studio legato al mondo televisivo.

La sfida è stata lavorare all’ideazione e al lancio, su più piattaforme distributive, di un nuovo brand televisivo Fox, con un’offerta di contenuti diversificata e attrattiva, non solo per i pubblici attuali ma anche per nuovi futuri target.

I progetti sono stati valutati dalla giuria composta da, Carlo Alberto Pratesi, Presidente del Premio Marketing e docente dell’Università Roma Tre, Gennaro Iasevoli, Università LUMSA di Roma, Enrico Bonetti, Seconda Università di Napoli, Alessandro Militi, Fox Networks Group Italy, Pietro Maranzana, Chief Commercial Officer di Sky.

Nato nel 1988, il Premio ha l’obiettivo di valorizzare i giovani talenti, stimolare i processi di apprendimento attraverso lo studio di casi aziendali, il confronto con problematiche di mercato attuali e lo sviluppo in gruppo di strategie e progetti concreti. Nel corso di questi 28 anni il Premio Marketing ha coinvolto oltre 300mila studenti di 50 Università pubbliche e private di tutta Italia contribuendo alla formazione e alla crescita di molti giovani manager.

“Sin dal suo arrivo in Italia nel 2003, con i suoi canali tv in esclusiva su Sky, il gruppo Fox si è distinto per un business model innovativo per il sistema televisivo italiano, che pone il marketing sullo stesso piano della programmazione e focalizza la strategia competitiva sui brand.” dichiara Alessandro Militi, Vice President Marketing and Sales di Fox Networks Group Italy, “Per questo motivo ci è apparso naturale sostenere il Premio Marketing e diventarne sponsor. Iniziative come questa rappresentano un punto di incontro fondamentale tra il mondo universitario e quello delle aziende. Un incontro in cui gli studenti possono cogliere opportunità formative e professionali e le aziende riescono ad avere una visione del mondo e del mercato più dinamica e proiettata verso il futuro. Un’occasione di reciproco stimolo creativo. E’ importante per il futuro del mercato del lavoro italiano, tutte le aziende dovrebbero aprirsi a esperienze del genere per restituire in formazione quello che il mercato gli dà”.

"Mai come oggi le aziende hanno bisogno di laureati che oltre alle competenze accademiche di base, abbiano già avuto modo di dimostrare capacità di lavoro in team e buone attitudini nel trasferire la teoria manageriale in pratica” afferma Carlo Alberto Pratesi, Presidente del Premio. “In questa ottica, il Premio Marketing per l'Università da quasi trent'anni è all'avanguardia".

FOX NETWORKS GROUP ITALY
Parte di 21st Century Fox, Fox Networks Group Italy ha come principale missione lo sviluppo di canali televisivi tematici nel cui palinsesto trovano spazio i migliori prodotti televisivi internazionali cosi come produzioni originali. Il gruppo propone al pubblico italiano 10 canali televisivi satellitari distribuiti in esclusiva da Sky Italia: Fox Sports, FOX, FoxLife, FoxCrime, Fox Comedy, Fox Animation, National Geographic Channel, Nat Geo People, Nat Geo Wild, Baby Tv.

LA SOCIETA’ ITALIANA MARKETING
La Società Italiana Marketing (SIM) vuole svolgere una funzione d’innovazione e consolidamento culturale nel marketing, connettendo il mondo accademico con quello delle imprese. Presieduta dal professor Alberto Mattiacci, la SIM opera sul mondo universitario di riferimento accrescendo costantemente la qualità della produzione scientifica e culturale italiana di marketing e, tramite la sua diffusione, mira ad aumentare il potenziale di mercato delle imprese. Ciò si realizza creando luoghi, strumenti e occasioni d’incontro, riflessione ed elaborazione per far progredire il patrimonio delle conoscenze, elaborare linguaggi e modi di pensare comuni, e quindi giungere a una costruzione teorica del marketing più vicina al pensiero italiano e anche al modo di fare marketing nelle imprese nostrane.

SKY ITALIA
Sky Italia è la prima media company in Italia. Fa parte del gruppo Sky plc, leader dell’intrattenimento in Europa con 21 milioni di abbonati in 5 paesi: Italia, Germania, Austria, Regno Unito e Irlanda. Nata nel 2003, Sky Italia opera su diverse piattaforme trasmissive con modelli di business differenti e ha una base abbonati di 4.7 milioni di famiglie al 31 dicembre 2015. L’offerta pay, core business dell’azienda, è disponibile via satellite e sulle reti broadband e ultrabroadband di Telecom Italia e propone in abbonamento la migliore esperienza di visione – grazie a My Sky HD, a Sky On Demand e a Sky Go - e i contenuti più esclusivi: dalle produzioni originali Sky, al meglio di cinema, sport, news, intrattenimento, serie tv e programmi per bambini. Ben 150 canali tematici e pay per view, di cui oltre 60 in HD e uno interamente in 3D. Il servizio Sky Online offre invece in streaming, su Sky Online Tv Box e sui principali device connessi a Internet, una selezione di contenuti di cinema, intrattenimento e sport della piattaforma. Sky è anche presente sul digitale terrestre free con tre canali: TV8, Cielo, Sky TG24. Amministratore Delegato di Sky Italia è Andrea Zappia.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ottimizzare l’uso dell’energia con un semplice smartphone o con un tablet, aumentando l’autoconsumo, attraverso la collaborazione tra vicini di casa.

Da Costanza (Germania) alla provincia di Caserta per un progetto pilota alternative sulla Smart Energy. La Seconda Università degli Studi di Napoli partecipa al Progetto CoSSMic finanziato dalla Commissione Europea nell'ambito della Call SMART-CITIES del Settimo Programma Quadro per l'Information and Communication Technology.

Il progetto intende sviluppare un sistema ICT innovativo ed autonomico per coordinare ed ottimizzare l’utilizzo, l’immagazzinamento e lo scambio di energia solare nei vicinati.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Via alla presentazione di progetti di ricerca su nuovi farmaci per la Glaxo. Negli ultimi anni sono avvenuti significativi cambiamenti nei modelli di ricerca e sviluppo dei nuovi farmaci. Tali cambiamenti hanno portato ad un diverso bilanciamento, da parte delle imprese farmaceutiche, nei processi di scoperta dei nuovi farmaci, dell’utilizzo di know how interno integrato con l’accesso alle competenze ed alle conoscenze proprie della accademia: si tratta di un processo sempre più dipendente da una nuova collaborazione tra accademia ed impresa.

DPAc - Discovery Partnerships with Academia è un nuovo approccio per la fase precoce di scoperta del farmaco avviato da GlaxoSmithKline (GSK) dal 2012. 

L'iniziativa di ricerca collaborativa promossa da Glaxo Italia, presentata in Ateneo già nei mesi scorsi, ha visto coinvolti molti ricercatori interessati a questo nuovo approccio di cooperazione scientifica tra pubblico e privato.

In tale occasione si è ribadito che il concetto di base di DPAc è mettere insieme l'intuizione e la creatività del mondo accademico con l'esperienza di Glaxo nella scoperta di nuovi farmaci, con il fine di realizzare una partnership realmente integrata, in grado di tradurre la ricerca innovativa dell’accademia in farmaci a beneficio dei pazienti.
DPAc si basa sul lavoro di un team di ricercatori che, in autonomia rispetto all’organizzazione R&D Glaxo, opera con lo scopo di identificare i ricercatori che abbiano progetti di ricerca relativi a target e/o composti che possano potenzialmente divenire farmaci innovativi da candidare allo sviluppo clinico. L’identificazione dei progetti di ricerca avviene attraverso incontri individuali degli esperti di Discovery Partnership with Academia con i ricercatori delle Università.
Dopo l’incontro dell’8 luglio per la presentazione, da parte della Direzione Medica e scientifica di Glaxo, del progetto DPAc ai Docenti e Ricercatori della Seconda Università di Napoli, è arrivato il momento in cui i Ricercatori interessati potranno proporre, mediante la compilazione di un format standard di una pagina a carattere non-confidenziale (Allegato 1 – Modello template DPAc), l’ipotesi di un meccanismo di patologia, di un razionale di terapia, di un target biologico identificabile come bersaglio di un possibile trattamento mediante composti (chimici o biologici) che, una volta identificati e opportunamente testati, possano diventare dei farmaci.
I docenti e ricercatori SUN che verranno selezionati in questa fase preliminare di valutazione delle singole proposte, accederanno ad una seconda fase nella quale incontreranno, nell’ultima settimana di ottobre, gli esperti del team europeo di DPAc per approfondire i contenuti delle proposte selezionate e valutare assieme i possibili ulteriori sviluppi, per poter eventualmente testare il prima possibile le loro ipotesi, aprendo l’accesso alla ricchissima raccolta di principi chimici delle library Glaxo.
Maggiori dettagli sul processo di sottomissione e di selezione delle Vostre proposte potranno da Voi essere acquisiti attraverso lettura dell’Allegato 2 – Istruzioni compilazione template DPAc e/o mediante la visione del sito.

Il termine ultimo per la presentazione delle proposte - utilizzando l’apposito template (Allegato1) - è il giorno 10 ottobre 2016.

Le proposte, con accluso un sintetico curriculum professionale e scientifico del Ricercatore, dovranno essere indirizzate al seguente recapito mail: rQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Il team di DPAc Glaxo sarà a Napoli presso il nostro Ateneo il giorno mercoledì 25 ottobre 2016 (orario da definire) per incontrare gli Autori delle proposte selezionate e discutere con loro per approfondire i contenuti dei progetti prescelti dagli esperti DPAc di Glaxo.

Troverete in allegato anche un articolo descrittivo dell’intero processo (Allegato 3 – Salute e Territorio) e, di seguito, il link con il sito ufficiale DPAc GSK: www.dpac.gsk.com

Per eventuali quesiti di carattere pratico potete fare riferimento ai seguenti recapiti mail:

• SUN: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

• GSK Italia – Direzione Medica e Scientifica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Allegato 1

Allegato2

Allegato 3

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Energia pulita con il calcolo scientifico. Questo l'obiettivo del progetto europeo Energy oriented Centre of Excellence – EoCoE, con il quale si studiano i risvolti pratici delle potenzialità offerte dai supercomputer per promuovere e accelerare l'utilizzo affidabile di energia a bassa emissione di inquinanti in Europa. Al progetto partecipa il Dipartimento di Matematica e Fisica della Sun. nell'ambito delle attività di Matematica Applicata e Calcolo Scientifico ad Alte Prestazioni per le applicazioni del settore energetico.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La hanno chiamata “Piccola Era Glaciale”, un periodo, che copre i secoli XV-XIX, caratterizzato da temperature particolarmente basse (Nell'immagine i Thames Frost Fair in un dipinto di Thomas Wyke). Un pool di scienziati australiani ed inglesi, coordinati da un ricercatore del Dipartimento di Matematica e Fisica della Seconda Università di Napoli, Mauro Rubino, ha recentemente ottenuto risultati innovativi nello studio dei cambiamenti climatici passati, risultati che sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale "Nature Geoscience". Gli scienziati hanno scoperto che il riscaldamento globale sta causando una diminuzione della capacità di piante e suoli di assorbire anidride carbonica.

La “Piccola Era Glaciale” risulta essere un periodo molto importante dal punto di vista climatico proprio perché, accanto alla riduzione della temperatura globale, ha registrato anche un significativo abbassamento della concentrazione atmosferica del principale dei gas ad effetto serra: l'anidride carbonica (CO2). I risultati hanno dimostrato che la diminuizione di temperatura causò un abbassamento dell'emissione di CO2 dai suoli e, di conseguenza, una riduzione della concentrazione di CO2 atmosferica. Questo processo è simile, ma opposto in segno, a quello che sta succedendo al giorno d'oggi: la terra si riscalda perché la concentrazione di CO2 aumenta.

Nel loro studio, i ricercatori hanno campionato dei campioni di ghiaccio in Antartide ed hanno estratto l'aria rimasta intrappolata nelle bolle del ghiaccio. La composizione chimica delle bolle d'aria rappresenta fedelmente quella dell'atmosfera delle epoche storiche del passato. Quanto più profonda è la campionatura tanto più indietro nel tempo è possibile andare.
La scoperta ha permesso di quantificare la relazione che intercorre tra variazioni di temperatura e variazioni di concentrazione di CO2 atmosferica durante la Piccola Era Glaciale. I risultati, pubblicati sulla rivista internazionale "Nature Geoscience", verranno utilizzati per calibrare i modelli matematici che effettuano previsioni dell'aumento di temperatura futura ed avranno un'influenza notevole sugli studi nel settore della relazione tra cambiamenti climatici e ciclo del carbonio.
“I nostri risultati hanno implicazioni importanti anche sulla capacità di prevedere il futuro aumento di temperatura – spiega Mauro Rubino – Infatti, la Piccola Era Glaciale può essere studiata per fare previsioni più accurate sul futuro”.

L’ultima conferenza degli Stati sui cambiamenti climatici, la cosiddetta COP21, tenutasi recentemente a Parigi, ha stabilito come obiettivo-limite che la temperatura non aumenti più di 2 °C entro il 2100. Per raggiungere questo obiettivo, gli stati dovranno ridurre le proprie emissioni di CO2. Il miglioramento dei modelli matematici in grado di effettuare previsioni sull'aumento futuro della temperatura e della concentrazione di CO2 consentirà un'accurata ripartizione delle quote di emissione di CO2 da parte dei singoli stati.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Un robottino interattivo contro l’obesità nei bambini. Un gioco, progettato da tre docenti con un gruppo di studenti della SUN, che si propone di aiutare il bambino sovrappeso a riconoscere i propri stimoli attraverso il meccanismo dell’identificazione.

Il gioco interattivo è un robot, chiamato You, con il quale il bambino si relaziona quotidianamente. Attraverso una app il bambino nutre You selezionando le quantità e la tipologia degli alimenti che egli stesso ha assunto. You reagisce alle informazioni ricevute attraverso segnali luminosi, espressioni del viso o frasi relative alle proprie sensazioni: “ho mangiato tanto”, “mi sento gonfio”, “basta stare fermo, ho voglia di muovermi”!

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sono i gas, e non il magma, la causa del sollevamento del suolo ai Campi Flegrei. Una ricerca di un team di geochimici italiani, coordinato dalla Seconda Università degli Studi di Napoli, sovverte gli studi effettuati fino ad oggi sulle cause del bradisismo che ha portato, negli ultimi nove anni, ad un sollevamento del suolo di ben 38 cm, dimostrando come esso sia dovuto ai gas profondi, e non ad un accumulo di magma. Questo lavoro è stato recentemente presentato alla conferenza mondiale “Goldschmidt” a Yokohama (Giappone), il 30 giugno 2016”.
I Campi Flegrei, siti dall’altro lato della Baia di Napoli e dal celebre Vesuvio, sono uno dei più pericolosi vulcani della Terra. In passato sono stati capaci di generare un’eruzione con indice di esplosività (VEI) pari a 7, quindi maggiore della famosa eruzione del Krakatoa del 1883. Tuttavia, questo fu 40.000 anni orsono. L’ultima eruzione, VEI 2, si ebbe nel 1538 DC.
“Tutti accettano l’evidenza geochimica che l’attività corrente ha cause diverse da quelle del 1982-84 – ha commentato il coordinatore della ricerca, Roberto Moretti della Seconda Università degli Studi di Napoli -  Molti geochimici stanno recentemente mostrando che il sollevamento del 1982-84 fu causato da attività idrotermale e che la attività corrente è causata dal magma, ma noi pensiamo che sia esattamente l’opposto. Abbiamo controllato i dati geochimici presi da più di 30 anni e la nostra interpretazione – basta sui gas rilasciati e altri segnali fisici- sembra essere consistente con una attività attuale di tipo idrotermale, benché supportata da gas magmatici profondi, piuttosto che dovuta alla migrazione di magma o suo accumulo con crescita di una relativamente poco profonda (a 3-4 km) camera magmatica. Crediamo invece che quest’ultima dinamica magmatica abbia caratterizzato l’episodio del 1982-84”.

A causa della instabilità geologica dell’area, il suolo in alcuni siti di questo campo vulcanico può salire e scendere anche di parecchi metri nell’arco di pochi anni. Questo fenomeno è noto come Bradisismo. Negli ultimi anni, il suolo ha cominciato a risollevarsi, fino a raggiungere, dal 2005 ad oggi, 38 cm di sollevamento. Molti sono preoccupati che questo nuovo fenomeno possa presagire una nuova eruzione.
 “Queste potrebbero essere buone notizie solo apparentemente, almeno per ora – spiega ancora Moretti - Un’attività in cui il magma si muove verso l’alto tende ad essere associata infatti con un aumento della probabilità di eruzione. Tuttavia,il passaggio da attività idrotermale ad attività magmatica può avere luogo in qualsiasi momento, perciò non stiamo assolutamente dicendo che tutto “va bene” sotto i Campi Flegrei. I campi Flegrei sono pur sempre un sistema molto “volubile”. Ciò dimostra la difficoltà nell’interpretare i dati, pure se provenienti da una delle aree vulcaniche meglio studiate al mondo. Riconciliare tutti i dati è un obiettivo principale, malgrado i nostri sforzi. Il pervenire ad unica e coerente interpretazione richiederebbe probabilmente l’accesso “diretto” alle informazioni geochimiche, geofisiche e geologiche del sottosuolo delle aree di interesse. Tuttavia, si dibatte molto dell’opportunità di eseguire perforazioni profonde in un area così “volubile” per ovvie ragioni di sicurezza”.
L’ultimo serio episodio di cosiddetto “unrest” nell’area si ebbe nel 1982-84, periodo nel quale il suolo registrò un sollevamento di 1,8 m. Molti scienziati pensano che il movimento in tale periodo fosse causato da un’attività mista magmatico-idrotermale. D’altro canto, attualmente, vi è un consenso che l’attività recente sia causata da magma in movimento, che si accumula sotto i Campi Flegrei, cosa che condurrebbe ad un alto rischio eruttivo. Ora, un gruppo di geochimici della Seconda Università di Napoli e dell’Osservatorio Vesuviano, pensano che il consenso si sia consolidato esattamente nella maniera opposta a quanto dovrebbe essere.
 “Interpretare le cause del sollevamento del suolo di vulcani non quiescenti è ancora un annoso problema per i vulcanologi –conclude Jon Blundy, dell’Università di Bristol -  Sia gas caldi (vapore) che magma sono cause possibili, ma con implicazioni piuttosto diverse per la futura attività eruttiva. Moretti e co-autori mostrano ragioni convincenti per il ruolo dei gas, piuttosto del magma, come causa dell’ultimo episodio di sollevamento ai Campi Flegrei. Il loro metodo potrebbe anche essere adottato ad altri vulcani dove si ha evidenza di sollevamento del suolo.
Fonte: eurekalert.org

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L’auto del futuro ridisegnata nelle aule dell’Università. Gli studenti della Sun e dell’Ateneo di Cassino, con Fiat Chrysler Automobiles progettano la vettura del prossimo decennio, con nuove tecnologie mirate a migliorare sempre più il rapporto tra il mezzo e il suo conducente.

La visione del mondo dell’auto da parte dei giovani studenti, i cosiddetti “millennials”, è al centro del progetto “Fca Innovation Award for university students”, coordinato da Start Up Lab, il laboratorio per l’imprenditorialità e l’innovazione del Dipartimento di Economia della Sun, con un originale contest rivolto agli studenti di Economia e Management della Seconda Università di Napoli e l’Università di Cassino, lanciato in collaborazione con Fiat Chrysler Automobiles.

Sono quattro gli studenti premiati che hanno vinto uno stage di sei mesi presso uno stabilimento FCA e sono: Natalia Barna (Unicas), Andrea Bisceglia (Sun), Sabrina Cirillo (Unicas) e Fracesco Di Ninno (Sun).

Oltre 500 i partecipanti “Millenials”, ovvero i giovani nati tra la fine dello scorso secolo e l’inizio del nuovo millennio, sono stati chiamati a ridisegnare l’auto del futuro, a ideare nuovi modi di pensare alle vetture e immaginare gli scenari del mercato automotive del 2030.

L’open innovation contest “Millennials and cars: the future of the car and the car of the future” è nato per raccogliere in modo diretto e immediato le idee, i pareri e i contributi sulle auto da parte di chi si affaccia ora sul mondo dell’università e del lavoro e ha una forte familiarità con la comunicazione, i social network e le tecnologie digitali.
“Il progetto – spiega Sorrentino - nasce a seguito di una mia docenza al Mba Fiat Chrysler nel quale è stato trattato, tra l’altro, il tema dell’open innovation e di come i processi di innovazione aperta siano in modo crescente utilizzati dalle imprese di grande dimensione. A seguito dell’interesse che si è generato, ho proposto il progetto “Innovation Award Millennials”.

Progetto FCA INNOVATION AWARD MILLENNIALS

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Napoli, al via una nuova alleanza tra Seconda  Università di Napoli e GSK per la ricerca del futuro

-    L’iniziativa Discovery Partnerships with Academia (DPAc) di GSK diventa un nuovo motore per lo sviluppo della ricerca medica nel capoluogo campano.
-    Dalle intuizioni dei ricercatori napoletani la traccia per lo sviluppo dei farmaci del futuro, che potranno essere sviluppati in costante rapporto con gli scienziati dell’azienda farmaceutica, prima in Italia per presenza industriale.
-    Dopo il primo incontro pubblico di oggi, a novembre la “chiamata” per i ricercatori più innovativi.

L’innovazione nasce dalle idee. Potrebbe essere questo il motto dell’accordo che vede “alleate” per la ricerca la Seconda Università di Napoli e GSK, il principale gruppo farmaceutico in Italia per presenza industriale e numero di occupati. L’iniziativa, presentata l'8 luglio, rappresenta il calcio d’inizio di una collaborazione che si annuncia fruttuosa e che potrebbe portare allo sviluppo di nuovi farmaci sulla base dell’intuizione dei ricercatori partenopei e si inserisce nell’ambito del percorso di condivisione che GSK porta avanti con le università, i centri ospedalieri e le charities di tutto il mondo per lo sviluppo di una ricerca collaborativa che si pone come modello ottimale per lo sviluppo rapido di nuovi principi attivi e per lo studio di meccanismi d’azione originali.

“La parternship tra Università e ricerca in campo farmacologico – dice Giuseppe Paolisso, Rettore della Seconda Università - rappresenta un’utile opportunità per i nostri ricercatori e per consentire lo sviluppo di nuovi farmaci, che al li da di quelli che possono i naturali interessi di una grande azienda come GSK, possono rappresentare la soluzione di importanti problemi di salute per tanti pazienti . L’alleanza tra Università e Azienda  rappresenta il futuro delle università ed il presente delle Aziende nell’ambito dl progresso del Sistema Italia”.
 
GSK oggi in Italia fattura 1,6 miliardi di euro: è presente nel nostro Paese a Siena del 1904 e a Verona dal 1932 ed ha tre siti produttivi oltre ad un centro ricerche per i vaccini a Siena che dà lavoro a quasi 600 scienziati.

GSK è inoltre impegnata in numerose attività di ricerca collaborativa con il mondo universitario e i principali centri di ricerca pubblici e privati.
Il Discovery Partnership with Academia (DPAc) (http://www.dpac.gsk.com) rientra in questa tipologia di ricerca collaborativa ed è un programma internazionale di GSK per la scoperta precoce di farmaci lanciato nel 2010 con l’obiettivo di integrare in maniera ottimale la creatività, la profonda conoscenza delle basi biologiche delle malattie e la capacità scientifica dell’università con le risorse e l’esperienza dell’industria farmaceutica nello sviluppo dei medicinali, in modo da ottimizzare il passaggio dalla ricerca alla disponibilità dei nuovi farmaci per i pazienti.

“Abbiamo scelto di puntare sulla “Open Innovation”: le grandi sfide possono essere vinte condividendo informazioni e competenze con l’accademia, gli ospedali più avanzati, le charities e per questo oggi GSK sostiene in Italia circa 25 studi condotti in 400 centri pubblici universitari e non, oltre a 180 studi clinici che ci vedono collaborare direttamente con più di 1600 centri nel nostro Paese  – afferma Massimilano Di Domenico, Direttore Affari Istituzionali e Comunicazione di GSK. La dimostrazione pratica di questo approccio viene dalla messa a punto della prima terapia genica al mondo per l’Ada-Scid (una rara malattia infantile che rende i bambini estremamente sensibili anche alle infezioni più banali, tanto da costringerli a vivere in una bolla) che nei giorni scorsi è stata autorizzata in Europa e in Italia e che nasce dalla collaborazione tra Fondazione Telethon, Ospedale San Raffaele di Milano e GSK”.
La sfida per la ricerca è lanciata: chissà che proprio dall’Università di Napoli non nascano i semi di una nuova speranza per vincere altre malattie e aiutare tante persone in cerca di una cura per la loro patologia.

Pagina 2 di 2

CHI SIAMO  |   PRIVACY  |  UNICAMPANIA.IT