San Leucio, firmato il protocollo per rilanciare le antiche seterie

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Restituire al borgo di San Leucio la sua secolare tradizione nella produzione della seta. Questo l'obiettivo protocollo d’intesa per la creazione di un Centro di cultura e di sviluppo dell’arte serica

sottoscritto tra il Belvedere di San Leucio, il Dipartimento di Ingegneria Civile, Design, Edilizia e Ambiente dell’Università Luigi Vanvitelli la Camera di Commercio, la Confindustria e la Rete San Leucio “Textile” ed. Il Belvedere dovrà diventare un Polo di Ricerca ,di idee, un centro sociale del territorio a più livelli.
L’obiettivo di accordo non è solo al rilancio della produzione della seta ma commerciare la produzione a livello internazionale e restituire la produzione originale al sito patrimonio dell’UNESCO. Recupero di attrezzature, quindi, come gli  antichi telai a mano e i Torcitoi, progetti di formazione per il recupero dei mestieri, trasferimento ai giovani competenze mirate per poter lavorare la produzione serica, con l'obiettivo di far entrare Caserta nelle vie della seta della Cina. Dopo più di 200 anni un nuovo progetto industriale per valorizzare il patrimonio storico della tradizione.

"Ci sarà una linea di collegamento tra i tre comuni siti culturali, per un miglioramento dei servizi pubblici. - spiega Daniela Borrelli, assessore alla Cultura del Comune di Caserta. - S. Leucio diventerà un polo di cultura e creativo in grado di attirare l’attenzione del mondo."

di Maria Consiglia Piscitelli, studente al Master in Giornalismo e Ufficio Stampa

CHI SIAMO  |   PRIVACY  |  UNICAMPANIA.IT